Cultura ed IstruzioneArticoli
17 novembre, 2011

Docenti in esubero: servono interventi immediati per arginare il rischio licenziamenti

17 novembre 2011 – Tra le maglie del maxi-emendamento alla Legge di Stabilità varata sabato scorso, ultimo atto dell’esecutivo Berlusconi prima dell’uscita di scena, fa capolino l’articolo 4 che introduce nuove “disposizioni in tema di mobilità e collocamento in disponibilità dei dipendenti pubblici”.

La norma – uno degli ultimi scellerati lasciti del precedente governo – rischia di abbattersi come un ciclone sui dipendenti della pubblica amministrazione, in modo particolare della scuola.

Secondo le nuove disposizioni i docenti e i non docenti che dovessero trovarsi per quest’anno scolastico in una condizione di esubero nel proprio istituto dovranno, dopo una preliminare informativa ai sindacati, subire una procedura accidentata per poter essere ricollocati, pena, come extrema ratio, il licenziamento e dunque l’espulsione dal mondo del lavoro.

Nel caso in cui non sarà possibile ricollocare il lavoratore in esubero presso altre scuole o classi di concorso per cui sia munito di abilitazione all’insegnamento, si tenterà lo spostamento in altre amministrazioni. In caso contrario si procederà con il collocamento in disponibilità a stipendio ridotto – l’80% – per 24 mesi. Dopo di che scatteranno i licenziamenti. Senza neppure provare ad avviare gli interessati ai corsi di riconversione.
Nel comparto scuola, a leggere alcune stime, sarebbero almeno 10 mila i docenti in esubero, perdenti posto a causa dei tagli lineari effettuati in questi anni dal duo Gelmini-Tremonti: in molti rischiano di venire estromessi dal mondo della scuola o, nella migliore delle ipotesi, essere costretti a spostarsi in altre province o in altre regioni alla ricerca di una cattedra libera.
Ma il fenomeno degli esuberi del personale docente oggi drammaticamente oggetto delle misure sulla mobilità stabilite dalla Legge di stabilità merita un’attenzione particolare.

Prima di tutto è obbligatorio interrogarsi come sia stato possibile che con un operazione che aveva l’obiettivo di eliminare in tre anni scolastici 87mila docenti e 45mila ATA al fine, si diceva, di eliminare il fenomeno del precariato, e di risparmiare circa 8 miliardi della spesa pubblica si sia ottenuto il risultato per certi versi opposto con 10.000 insegnanti di ruolo privati del loro posto e 115 mila docenti a tempo determinato pari al 14,9% del totale, dato questo – un’altra promessa mancata della Gelmini – percentualmente identico a quello registrato nell’anno scolastico 2005-06.

Il fenomeno dei docenti in esubero è un effetto della “non riforma epocale della Gelmini” fatta unicamente a colpi di tagli lineari indifferenziati nel territorio e nei diversi ordini scolastici. Secondo le stime, dei diecimila docenti in esubero 1.904 sono insegnanti della scuola primaria, 1.243 della scuola secondaria di I° grado e ben 6.902 nella scuola secondaria di secondo grado. Di questi ultimi circa 3.400 sono insegnanti tecnico pratici (ITP) dell’istruzione tecnica e professionale che hanno perso il posto perché la riforma epocale non prevede più la centralità dell’uso dei laboratori.

Per arginare questa catastrofe sociale e culturale che potrebbe abbattersi sulla scuola italiana, il nuovo esecutivo Monti e il prossimo responsabile di Viale Trastevere Francesco Profumo dovranno attivare tutte le procedure necessarie, anche con la collaborazione dei sindacati, allo scopo di individuare una soluzione rapida che escluda l’ennesimo licenziamento di massa operato sulla pelle di migliaia di insegnanti di ruolo.

About this author

4 commenti - View all

darko 4:03pm on novembre 25, 2011

Salve sono uno dei 20 docenti entrati di ruolo nel sostegno a settembre 2011 nella prov. di Cagliari, a cui, assieme a tutti gli altri, hanno revocato l'immissione in ruolo. I motivi di questa decisione sono ancora poco chiari, l'unica cosa che i dirigenti dell'USP di Cagliari ribadirono, dopo averci convocati tutti nello stesso giorno a fine ottobre era che avevano sbagliato ad effettuare il contingente degli immessi in ruolo e pertanto erano costretti a trasformare i nostri contratti da tempo indeterminato a determinato, ossia, in poche parole, riportandoci di nuovo nello "status di precari". Intanto, da allora nessuno ha saputo darci una risposta concreta al nostro "dramma quotidiano" viviamo in un limbo e ogni giorno ci chiediamo se qualcuno potrà darci una risposta definitiva! Io continuo ad avere un contratto a tempo indeterminato e a percepire uno stipendio e...ironia della sorte, sul cedolino c'è scritto:DOCENTE A TEMPO INDETERMINATO ogni giorno temo che qualcuno mi dica che dobbiamo sottoscrivere un nuovo contratto a tempo determinato, mandando così in fumo tutti i nostri sogni e progetti futuri. Vi chiediamo di aiutarci Disinti saluti

4 commentiX
Rocco Pujia 4:56pm on novembre 18, 2011

sono un ITP di ruolo in esubero, utilizzato l’anno scorso su sostegno, quest’anno estromesso dal sostegno e utilizzato presso la mia ex scuola a fare di tutto (lab. d fiisica, lab. di elettronica, su progetto cl@assi 2.0, sulla biblioteca e sulla gestione del sito sella scuola) più flessibile di così … ma non mi dispiace. Il problema sarà l’anno prossimo. La legge 133 che mi ha mandato in esubero prevede che gli insegnanti in esubero siano riconvertiti in altra classe di concorso dove c’è disponibilità, questa parte della legge è stata disattesa, quindi se sono rimasto in esubero non è colpa mia e non vedo perchè dovrei pagare per questo. Ci sono tanti posti sul sostegno, perchè non ricollocarci lì? L’abbiamo chiesto più volte ma ci sono delle resistenze, eppure tanti di noi hanno già lavorato con ottimi risultati.
Grazie per l’attenzione
Rocco Pujia

Melpignano Giovanni 8:19pm on novembre 18, 2011

Documento relativo all’incontro richiesto da un gruppo di docenti in esubero alla FLC CGIL TORINO Via Duchessa Jolanda 38
Report 24-10-2011 ore 15.30-17.30
FLC CGIL: Igor Piotto, Luisa Limone
Docenti: Luciano Morra, Giovanni Melpignano, Giancarlo La Fortezza, Franco Di Maria, Laura Lupano, Trento Salerno, Ciro Iannacone, Rocco Pujia, Rossella Narciso, Martino Schirinzi

Durante l’incontro sono stati proposti e discussi ipotesi di soluzione al problema dei docenti in esubero.

Premessa.

Si conviene che:
– ogni intervento specifico sia da collocare nell’ambito più generale
delle future ricadute della riforma in corso, della prossima revisione delle classi di concorso e
delle conseguenti ipotesi di aumento dei fenomeni degli esuberi e con riferimento ai vincoli
di solidarietà con tutte le componenti del mondo della scuola;

– ogni intervento sia disposto con rispetto della professionalità acquisita e della
persona e, pertanto, si respinge il tentativo di conversione dei docenti tecnico-pratici in esubero in assistenti tecnici;

– ogni intervento sia disposto “a domanda” dei docenti interessati.

Proposte.

1-Attivazione di percorsi di formazione, riservati ai docenti in esubero rispetto alle dotazioni organiche provinciali, finalizzati al conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità.

2-Utilizzo dei docenti tecnico-pratici , appartenenti a classi di concorso con personale in esubero,
nei laboratori di informatica degli istituti di istruzione secondaria di primo e secondo grado e negli istituti che hanno attivato progetti sulle nuove tecnologie (in qualità di docenti).
Per i docenti non in possesso di titoli idonei si chiede l’attivazione di uno specifico
corso di formazione sull’informatica e le nuove tecnologie.

3-Attivazione di percorsi di riconversione rispetto a classi di concorso con carenza,
fatti salvi il possesso dei titoli d’accesso, e di riqualificazione professionale verso classi di concorso d’area affine.

4-Utilizzo in insegnamenti finalizzati al raggiungimento degli obiettivi previsti
dal piano dell’offerta formativa delle scuole.

5- Individuazione di un organico funzionale definito secondo la tipologia
della scuola finalizzato a migliorare l’efficacia dell’azione didattica in relazione al piano dell’offerta formativa delle scuole.

6- Utilizzo degli I.T.P. in esubero nei percorsi di Alternanza Scuola Lavoro, corsi Polis,
potenziamento nei bienni degli istituti professionali, corsi I.F.T.S.

7-Utilizzo dei docenti in esubero in attività pomeridiane presso gli istituti per studio assistito finalizzato alla contenimento della dispersione scolastica.

8-Utilizzo su funzioni e/o attività aggiuntive e/o laboratori specifici attivati nell’ambito
della autonomia scolastica e, attualmente, finanziati dal FIS.

Torino 24-10-2011

docentiesuberotorino@groups.facebook.com

docentiesuberototino@libero.it

Melpignano Giovanni 9:29pm on novembre 18, 2011

Documento relativo all’incontro richiesto da un gruppo di docenti in esubero alla FLC CGIL TORINO Via Duchessa Jolanda 38
Report 24-10-2011 ore 15.30-17.30
FLC CGIL: Igor Piotto, Luisa Limone
Docenti: Luciano Morra, Giovanni Melpignano, Giancarlo La Fortezza, Franco Di Maria, Laura Lupano, Trento Salerno, Ciro Iannacone, Rocco Pujia, Rossella Narciso, Martino Schirinzi

Durante l’incontro sono stati proposti e discussi ipotesi di soluzione al problema dei docenti in esubero.

Premessa.

Si conviene che:
– ogni intervento specifico sia da collocare nell’ambito più generale
delle future ricadute della riforma in corso, della prossima revisione delle classi di concorso e
delle conseguenti ipotesi di aumento dei fenomeni degli esuberi e con riferimento ai vincoli
di solidarietà con tutte le componenti del mondo della scuola;

– ogni intervento sia disposto con rispetto della professionalità acquisita e della
persona e, pertanto, si respinge il tentativo di conversione dei docenti tecnico-pratici in esubero in assistenti tecnici;

– ogni intervento sia disposto “a domanda” dei docenti interessati.

Proposte.

1-Attivazione di percorsi di formazione, riservati ai docenti in esubero rispetto alle dotazioni organiche provinciali,
finalizzati al conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità.

2-Utilizzo dei docenti tecnico-pratici , appartenenti a classi di concorso con personale in esubero,
nei laboratori di informatica degli istituti di istruzione secondaria di primo e secondo grado e negli istituti
che hanno attivato progetti sulle nuove tecnologie (in qualità di docenti).
Per i docenti non in possesso di titoli idonei si chiede l’attivazione di uno specifico
corso di formazione sull’informatica e le nuove tecnologie.

3-Attivazione di percorsi di riconversione rispetto a classi di concorso con carenza,
fatti salvi il possesso dei titoli d’accesso, e di riqualificazione professionale verso classi di concorso d’area affine.

4-Utilizzo in insegnamenti finalizzati al raggiungimento degli obiettivi previsti
dal piano dell’offerta formativa delle scuole.

5- Individuazione di un organico funzionale definito secondo la tipologia
della scuola finalizzato a migliorare l’efficacia dell’azione didattica in relazione al piano dell’offerta formativa delle scuole.

6- Utilizzo degli I.T.P. in esubero nei percorsi di Alternanza Scuola Lavoro, corsi Polis,
potenziamento nei bienni degli istituti professionali, corsi I.F.T.S.

7-Utilizzo dei docenti in esubero in attività pomeridiane presso gli istituti per studio assistito finalizzato alla contenimento
della dispersione scolastica.

8-Utilizzo su funzioni e/o attività aggiuntive e/o laboratori specifici attivati nell’ambito
della autonomia scolastica e, attualmente, finanziati dal FIS.

Torino 24-10-2011

docentiesuberotorino@groups.facebook.com

docentiesuberototino@libero.it

darko 4:03pm on novembre 25, 2011

Salve sono uno dei 20 docenti entrati di ruolo nel sostegno a settembre 2011 nella prov. di Cagliari, a cui, assieme a tutti gli altri, hanno revocato l’immissione in ruolo. I motivi di questa decisione sono ancora poco chiari, l’unica cosa che i dirigenti dell’USP di Cagliari ribadirono, dopo averci convocati tutti nello stesso giorno a fine ottobre era che avevano sbagliato ad effettuare il contingente degli immessi in ruolo e pertanto erano costretti a trasformare i nostri contratti da tempo indeterminato a determinato, ossia, in poche parole, riportandoci di nuovo nello “status di precari”.
Intanto, da allora nessuno ha saputo darci una risposta concreta al nostro “dramma quotidiano” viviamo in un limbo e ogni giorno ci chiediamo se qualcuno potrà darci una risposta definitiva! Io continuo ad avere un contratto a tempo indeterminato e a percepire uno stipendio e…ironia della sorte, sul cedolino c’è scritto:DOCENTE A TEMPO INDETERMINATO ogni giorno temo che qualcuno mi dica che dobbiamo sottoscrivere un nuovo contratto a tempo determinato, mandando così in fumo tutti i nostri sogni e progetti futuri.
Vi chiediamo di aiutarci
Disinti saluti

Cultura ed Istruzione
 
Qualche giorno fa a Cagliari sono intervenuta a un convegno organizzato...
 
Il mio intervento alla Camera nel corso della presentazione del libro...
 
“Grazia Deledda, prima che una scrittrice e una grande donna, è...
 
“Dopo la legge su casa Gramsci è adesso il momento di...
 
Ora è legge: con 161 voti favorevoli, 27 contrari e 31...
 
Ieri, la Camera ha approvato una mozione, a prima firma della...
 
“Con la scomparsa di Pinuccio Sciola la nostra isola perde un...
 
“Il governo Renzi si dimostra ancora una volta attento ai bisogni...
 
“Sono convinta che il Ministero dell’Istruzione possa fare sforzi ulteriori per...
 
L’impatto della legge 107 del 2015 è stato nettamente positivo anche...
 
Non posso che apprezzare il tempestivo intervento dell’assessore ai Trasporti Massimo...
 
Pubblico qui di seguito il testo integrale del Ddl sulla riforma...
 
Condivido ciò che dice Tullio De Mauro quando parla della necessità...
 

E’ indubbio che nella nostra regione ci si dovesse adeguare al...
 
Il Ministro dell’Istruzione, tramite il Sottosegretario Donghia ha  dato risposta alla...
 
Il mio articolo uscito su La Nuova Sardegna di domenica scorsa...
 
Ha ragione Renzi: dobbiamo rimettere al centro dell’azione il tema della...
 
La dispersione scolastica è una piaga universale e tocca tutte le...
 
Il ministro Carrozza ci rassicura sul futuro dei cosiddetti “esodati della...
 
Arriva domani all’esame congiunto delle Commissioni Cultura e Lavoro la mia...
 
È necessario che i ministeri competenti diano il via a un...
 
Sulla cultura occorre cambiare marcia: investire 
sulla conoscenza significa uscire dal vicolo...
 
8 febbraio 2013 – La notizia del rinvio del decreto Profumo...
 
14 novembre 2012 – L’incolmabile lotta tra la politica e il...
 
22 ottobre 2012 – L’innalzamento da 18 a 24 ore dell’orario...
 
21 ottobre 2012 – Sono sempre stata contraria e ribadisco con...
 
25 settembre 2012 – È ancora nebuloso e incerto il futuro...
 
17 settembre 2012 – Una scuola migliore, che parta dalle specifiche...
 
13 Febbraio 2012 – Durante la sua recente audizione in Commissione...
 
16 dicembre 2011 – In altri tempi, non meno difficili rispetto...
 
29 novembre 2011 – Il  Meic di Oristano, nell’ambito  della programmazione...
 
Scuola e Costituzione 28.XI.2011 Nel lungo e interessante dibattito in seno...
 
28 novembre 2011 – Che fine hanno fatto i fondi Fas...
 
17 novembre 2011 – Tra le maglie del maxi-emendamento alla Legge...
 
21 settembre 2011 – Risulta che in numerose province italiane gli...
 
8 settembre – Poco convincente e per nulla rassicurante per i...
 
29 giugno 2011 – Ancora tre anni di lacrime e sangue per...
 
24 giugno 2011 – Non c’è pace per gli Invalsi: le...
 
22 giugno – In questi due giorni si sono incrociate in...
 
 21 giugno – A subire la scure del governo non sono...
 
17 aprile – Ancora un attacco, il terzo in pochi mesi,...
 
12 aprile 2011 – La proposta della deputata PDL Gabriella Carlucci...
 
www.lanottebiancadellascuola.it Durante la puntata di oggi (guarda il video: prima parte , seconda parte )...
 
Alessandra Rubenni, Unità 3 dicembre 2010 «Se Berlusconi e il suo...
 
 27 novembre 2010 – In queste ore si sta combattendo sulla...
 
19 novembre 2010 Bilancio di previsione dello Stato per il 2011...
 
10 novembre 2010 – La manovra finanziaria contiene, tra i numerosi...
 
27 ottobre -La Commissione Cultura della Camera dei Deputati, della quale...
 
 14 ottobre 2010 – Clamoroso flop per la riforma dell’università. Il...
 
Giovedì 7 ottobre la Commissione Cultura ha concluso i lavori sul...
 
Solarussa, 1 ottobre 2010.  Se è vero che il livello di...
 
  Bloccato il blitz della Gelmini.   Abbiamo bloccato il blitz...
 
www.partitodemocratico.it “La riforma epocale della scuola pubblica, approvata da Tremonti-Gelmini, assicurerà...
 
Ghizzoni, governo chiede iter rapido, ‘mance’ non ci fanno cambiare idea...
 
IL CASO L’intolleranza leghista di MICHELE SERRA A proposito di violenza...
 
Abbiamo ascoltato, ancora una volta increduli, al panegirico della magnifica riforma...
 
È passato in prima lettura al Senato il disegno di legge...
 
Giuseppe Vittori, L’Unità, 30 luglio 2010 Via libera dall’aula del senato, in...
 
Chiara Affronte, L’Unità 2 luglio 2010 Il 24 giugno il Tar del Lazio...
 
Ghizzoni: siamo al cannibalismo e alla politica del ‘cornuto e mazziato’...
 
Il resoconto del mio intervento in commissione cultura  nell’ambito della discussione dello...
 
I sottoscritti chiedono di interpellare il Ministro dell’istruzione, dell’università e della...
 
Stefano Lepri, La Stampa 20 aprile 2010 C’è nel mondo un...
 
Salvo Intravaia, La Repubblica, 12 aprile 2010 È in arrivo il bollino...
 
Simonetta Fiori, La Repubblica 31 marzo 2010 La Resistenza non c’è....
 
di Salvo Intravaia, La Repubblica 15 marzo 2010 Dal Parini di...
 
Salvo Intravaia La Repubblica 02.03.10 I tecnici di viale Trastevere consigliano...
 
Chiara Saraceno, La Repubblica 24 febbraio 2010 Le scuole pubbliche in...
 
www.partitodemocratico.it “Il riordino della scuola superiore del governo non e’ una riforma,...
 
da www.sardegnademocratica.it Via libera all’emendamento del Decreto di Legge Lavoro, che consente...
 
Roma, 15 gen – ”Dopo il pronunciamento del Consiglio di Stato...
 
Ho presentato al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca un’interrogazione sulla situazione...
 
di Marco Lodoli, da www.tiscali.it Il grido d’allarme stavolta arriva dalla più...
 
Il gruppo PD della Commissione Lavoro ha dedicato il numero della Newsletter...
 
È iniziato in VII Commissione Cultura della Camera l’esame degli schemi...
 
Tito Boeri, La Repubblica 29 ottobre 2009 C’è voluto un anno...
 
Approvata la proposta PD a tutela dei precari. E’ stata varata...
 
La scadenza per le iscrizioni alle scuole superiori sarà a febbraio. ...
 
«Una importante vittoria per la scuola sarda, messa a segno anche...
 
Abbiamo messo a segno una piccola, ma significativa vittoria: l’accordo siglato...
 
La scuola è appena cominciata, eppure già si vedono gli effetti...
 
   E alla fine la montagna partorì il topolino. La riforma...
 
Il consiglio dei ministri ha approvato oggi, in prima lettura, il...
 
Il Consiglio dei Ministri ha approvato 2 Regolamenti che riformano gli...
 
Ricevo e pubblico volentieri una lettera dei Precari della scuola indirizzata...
 
Prosegue in Commissione Cultura l’audizione informale di rappresentanti di fondazioni, associazioni...
 
Si terrà venerdì 24 aprile al T-Hotel di Cagliari (in via...
 
  Lo smantellamento della scuola pubblica messo in cantiere da questo...
 
“Domani saremo in piazza con la Flc Cgil per manifestare contro...
 
 Annunciando il voto contrario del Partito Democratico sul decreto università, la...
 
I lavori in commissione oggi hanno raggiunto il grottesco. La maggioranza...
 
da La Repubblica, 24 movembre 2008 Mario Pirani Il riformismo non...
 
Da Il Corriere della Sera, domenica 16 novembre 2008 Marco Imarisio...
 
da Il Corriere della Sera, martedì 4 novembre Negli ultimi giorni...
 
E’ operativo il secondo anno del Progetto Scuola della Regione Sardegna,...
 
Cinzia Isola, www.altravoce.net Stavolta non potrà più consolarsi coi sondaggi gratificanti:...
 
Francesco Merlo, La Repubblica 14 ottobre 2008 Chiudete gli occhi e...
 
Grande apprezzamento dell’On.Caterina Pes (PD) di fronte al finanziamento di 30...
 
Michele Salvati, Il Corriere della Sera, lunedì  15.09.2008 Ha fatto bene...
 
da La Nuova Sardegna, lunedì 25 agosto Assegni di merito, master...
 
Guarda il video … “Molte delle norme contenute nel decreto-legge n. 112 del 2008...
 
di Caterina Pes da “L’Unità”, martedì 22 luglio La qualità dell’istruzione e...
 
  Nei giorni scorsi in Commissione Cultura, alla presenza del ministro...
 
Some title Some author
Some excerpt
Qualche giorno fa a Cagliari sono intervenuta a un convegno organizzato...