Comunicati e note stampaCultura ed Istruzione
22 luglio, 2008

SCUOLA, PER L’ITALIA E’ EMERGENZA EDUCATIVA

di Caterina Pes

da “L’Unità”, martedì 22 luglio

La qualità dell’istruzione e della scuola è  tema che riguarda tutti, e nessuno, neanche per motivi ideologici, può derogare a questo.

l’Italia, infatti, si trova in un’emergenza educativa senza precedenti. La società negli ultimi dieci anni è profondamente cambiata e la scuola non ha avuto la capacità di adeguarsi e di ripensarsi pienamente.

Sono deputato della Repubblica ma prima di tutto sono un’ insegnante. Penso che niente, più della scuola, è laboratorio sociale. Laboratorio nel quale si incontrano, si scontrano e a volte si confrontano contesti sociali e culturali differenti. Penso che abbiamo allora una grande responsabilità, da cui nessuno di noi può tirarsi indietro. Partiamo dai riferimenti più importanti :

 -gli Obiettivi di Lisbona impegnano tutti a lavorare per una società della conoscenza e per una scuola di qualità.

 -i dati Ocse-Pisa 2006 dimostrano, purtroppo, che l’Italia vive il paradosso considerevole di essere tra le prime nazioni europee con il più basso livello d’istruzione e il più alto livello di dispersione scolastica.

È evidente quindi, che nel nostro paese siamo in piena emergenza educativa, anche perché l’istruzione e la formazione sono strumenti indispensabili di crescita economica.

Quando Antonio Gramsci,scriveva “istruitevi perché avremo bisogno di tutta la vostra intelligenza, affermava per primo proprio questo pensiero: chi possiede poche conoscenze rischia l’esclusione economica e sociale. È condannato a stare ai margini.

   Se queste sono le premesse, credo allora che si debbano operare una serie di riflessioni sulle modalità di trasmissione del sapere nella nostra scuola e sui  processi di apprendimento, in una visione globale del problema.

Ciò che  mi è sembrato assente nella  relazione  del Ministro Gelmini presso la Commissione Cultura della Camera, di cui faccio parte, è proprio una visione d’insieme, o, se si preferisce, la valutazione del problema-scuola in un’ottica di sistema.

La scuola italiana ha bisogno di un serio e forte investimento.

Tutti, nessuno escluso credo, sosteniamo la scuola di qualità.

Lisbona ce lo chiede . Pisa ci ricorda quanto siamo lontani.

Una distanza incolmabile separa, tuttavia, la nostra idea di qualità rispetto a quella del Ministro Gelmini e del governo che lei rappresenta. Per noi  una scuola è di qualità quando premia il merito, quando è competitiva, certamente;

ma la scuola, per noi , è di qualità anche e soprattutto quando è inclusiva e realizza la piena integrazione di tutti;

Il concetto di merito proposto dalla Gelmini- cui come sappiamo si collega la definizione di scuola di qualità – sembra potersi applicare solo agli alunni meglio dotati culturalmente.

La scuola di qualità è per noi quella che premia i talenti, ma nel contempo è la scuola che non lascia indietro nessuno, anzi sostiene i più deboli e garantisce uguali opportunità per tutti.

Un serio investimento sull’istruzione – nell’orizzonte di una “grande alleanza per la scuola” – deve pertanto passare attraverso l’adozione di POLITICHE INTEGRATE e l’elaborazione di un piano finanziario per obiettivi strutturali. Ne cito alcuni:Edilizia scolastica; Diritto allo studio; Qualificazione degli insegnanti; Progetti dell’autonomia; Ampliamento del tempo scuola; Stabilità dei docenti.

Tra questi punti il governo precedente ha individuato come strategia d’intervento il programma delle SCUOLE APERTE.

Esso prevede, in orario curricolare, un ampliamento dell’offerta formativa, introducendo oltre agli ormai noti corsi di recupero anche corsi di sostegno e aiuto allo studio, moduli didattici di approfondimento e sviluppo delle conoscenze, assunzione di metodologie didattiche alternative,arricchimento del curricolo ( teatro, canto, danza, arte ecc.).

In questa dimensione, si risponde all’ esigenza di un’ottica di sistema da cui sono partita.

Sempre in un’ottica di sistema, si inserisce, infine, la riflessione intorno alla professione docente e alla qualità della trasmissione del sapere.

Nessun altro aspetto interno alla scuola influenza infatti il rendimento degli studenti più della qualità della formazione degli insegnanti.

Credo che la demotivazione degli insegnanti dipenda anche in larga misura dal mancato riconoscimento culturale del Paese tutto nei loro confronti. Specchio di questo è  l’ assenza di investimenti sull’aggiornamento disciplinare e pedagogico (oggi i professori si comprano i libri e si aggiornano di tasca propria), che peraltro non avviene per nessun’altra categoria di professionisti.

Nutriamo fondati dubbi su è quanto e sino a che punto questo governo abbia seriamente intenzione di investire sulla scuola.

Il governo precedente, se pur faticosamente, aveva intrapreso questo cammino. Ora questo sentiero sembra essersi interrotto.

 

 

About this author

7 commenti - View all

Roberto Della Ragione 10:30pm on settembre 26, 2008

Cara On. Pes, in questi giorni si sta consumando il Dramma dei 300.000 PRECARI della Scuola Pubblica iscritti nelle Graduatorie Permanenti, molti dei quali rimasti Disoccupati (come il sottoscritto) a causa dei recenti TAGLI del Governo. Dopo una Vita buttata lì, a collezionare Lauree, Abilitazioni, Master, Specializzazioni, Punteggi, (in nome di un falso Cambiamento) si decide di BUTTARCI IN MEZZO AD UNA STRADA e far partire un nuovo sistema di reclutamento dei Docenti, quando c’è un esercito di Precari che aspetta da decenni di entrare in ruolo .... Eppure siamo pari a ben 20 volte ALITALIA !!!! Ecco CINQUE PROPOSTE per SVUOTARE le Graduatorie Permanenti (se ne accettano volentieri delle Altre !!!): 1) Si favorisca il ricambio generazionale SOSTITUENDO i docenti con 40 anni di servizio con insegnanti più giovani provenienti dalle Graduatorie Permanenti. Ciò permetterebbe un risparmio di 1 Miliardo di Euro, oltre ad un miglioramento della Qualità del Servizio. 2) Si DEPURINO i 300.000 Iscritti nelle Graduatorie Permanenti ad Esaurimento da tutti i Docenti già di Ruolo o che fanno stabilmente Altri Lavori, consentendone il mantenimento dell’iscrizione solo a coloro che sono realmente Precari e intenzionati a lavorare nella Scuola Pubblica. 3) Si assegnino tutti gli Spezzoni INFERIORI alle 6 ore ai Docenti Precari delle Graduatorie Permanenti, NON a quelli di Ruolo a completamento (come avviene oggi !!!), consentendo loro di maturare Punteggio, Stipendio e (possibilmente) di FORMARE una Cattedra intera. 4) Si consenta il CAMBIO di Provincia (oggi NEGATO !!!) nelle Graduatorie Permanenti ad Esaurimento, consentendo un VERO incontro tra Domanda ed Offerta di Lavoro nella Scuola Pubblica, in modo che ciascun lavoratore possa realmente essere disponibile laddove il proprio Punteggio consenta una reale collocazione. 5) Si combatta realmente la DISPERSIONE SCOLASTICA. Solo in Campania vi sono 50.000 ragazzi dispersi (che spesso alimentano il lavoro nero o le file della Camorra !!!) tra i 6 ed i 17 anni. Di questi, 9384 sono i ragazzi tra i 16 ed i 17 anni che dovrebbero usufruire del diritto-dovere all’Istruzione e 30.000 ragazzi che hanno compiuto la maggiore età e NON hanno conseguito un Diploma (il 33% della popolazione Scolastica Regionale !!!). Se tutti i dispersi tornassero tra i banchi bisognerebbe creare almeno 2.000 Classi e sarebbero necessari (solo in Campania) 4.000 Insegnanti in piu’ !!! Un piano che farebbe risparmiare allo Stato 400 milioni di euro ogni 20 mila insegnanti (quindi 3 Miliardi di Euro per 150.000 lavoratori), SENZA MANDARE A CASA NESSUNO !!! Una vera razionalizzazione dovrebbe consistere nell’individuare le vere “diseconomie e gli sprechi della spesa corrente e strutturale della scuola”. SALVIAMO LA SCUOLA PUBBLICA, NON LASCIAMO MORIRE ANCHE LA CULTURA !!! Roberto Della Ragione, (Docente Precario, Napoli) prodark@libero

7 commentiX
Rossella Sanna 11:42am on luglio 22, 2008

Cara Caterina, condivido il tuo impegno per la scuola, però mi sento di scriverti due righe sull’aggiornamento disciplinare e pedagogico. Anche in molte altre professioni, la mia per esempio, libri, materiali e corsi per aggiornarci sono a nostro carico e piuttosto costosi, ma questo è solo un inciso. Credo che la valorizzazione della classe insegnante non si persegua dando corsi e libri gratuiti e ottenendo una partecipazione passiva degli stessi. Penso invece sia megliodare il giusto peso al ruolo di insegnante attraverso uno stipendio congruo e una selezione seria, non solo al momento dell’ingresso nel lavoro, ma anche durante il suo svolgersi. Ritengo talmente delicato e importante il vostro ruolo che esigerei che fosse cancellato dalla scuola il concetto del posto fisso, che ha portato (ho esempi concreti) a rovinare degli alunni, ma mai a rimuovere l’insegnante dalla sua cattedra. Questo fatto mi fa veramente arrabiare.
Ti ringrazio per questa occasione di dire la mia su un tema che mi sta moltoa cuore e ti abbraccio Rossella

labitamariapia 12:53pm on luglio 22, 2008

Dobbiamo difendere con forza la scuola pubblica che é l’unico genere di scuola che porta in sé le più disparate culture e,perché no,le più disparate visioni politiche .Sono tutte componenti che consentono di sviluppare un pensiero critico,libero ed unico in ogni individuo.

JOVA CANNAS 6:03am on luglio 23, 2008

Da sempre , la strategica sinergia tra attitudini e realizzazioni, ha caratterizzato il processo evolutivo dell’umanita’.In questa ottica , l’eventuale assenza di uno dei due fattori, non puo’di certo far da preludio a successivi sviluppi nella direzione , da tutti auspicata, di una crescita armoniosa della nostra nazione.Essendo necessario svolgere una funzione di stimolo critico nei confronti di chi esercita un qualsivoglia potere di controllo sulla programmazione scolastica, verrebbe voglia di suggerire, all’attuale delegato alla suddetta funzione, la rilettura del sempreverde “Le avventure di Pinocchio”.Il cammino d’approccio del burattino/ragazzo, e’ denso di insidie ed ostacoli e solo un consapevole e mirato supporto da parte di tutti gli organismi sociali con cui verra’ ad avere un contatto, potra’ guidarlo , in maniera sana, nel costruire il suo essere uomo.
A poco potrebbero valere , se non si agisse in questa direzione, grandi investimenti infrastrutturali o la diffusione massiccia di media dell’ultima generazione.
Arrogante e pretenzioso , continuare a chiedere ai “Mastro Geppetto “dei nostri tempi, di vendere le loro giacche sdrucite per poter affidare la propria progenie ad un destino piu’ sorridente che non si ha intenzione di evocare.La vera spazzatura, non e’ quella accumulata nei marciapiedi del nostro meridione, ma l’impreparazione che l’ha generata !A meno che non arrivi la Fata Turchina !Ma , questa ipotesi sognante, non si puo’ inserire in Finanziaria..
…o no?!

Maria Delogu 6:31am on luglio 25, 2008

Cara Caterina, condivido appieno il tuo pensiero e la tua preoccupazione e ti ringrazio per il lavoro che fai nel nostro quasi esautorato Parlamento Italiano. Finalmente qualcuna che la scuola la conosce e la vive ne sa e ne può parlare con cognizione di causa! Mi permetto solo di aggiungere che noi insegnanti stiamo per rappresentare i nuovi poveri. Una famiglia monoreddito che campa sullo stipendio di un insegnante fa davvero fatica ad offrire un presente ed un futuro sereno ai propri figli. Ha ragione Rossella quando parla di qualità e professionalità nel mondo della scuola, penso però che questo sia anche dovuto al fatto che il nostro nobilissimo mestiere funga spesso da ripiego o da posteggio. E temo che molti non capiscano che chi opera nella scuola ha il delicatissimo compito di formare ed aiutare a crescere i cittadini di oggi e di domani. Insomma, non si vede nell’immediato il nostro lavoro e non è facilmente quantificabile o verificabile, se non che, a distanza di anni, diventiamo un popolo con un pietoso livello di istruzione. Un abbraccio. Maria

Gianni Sanna 6:58pm on luglio 28, 2008

Brava Caterina. Apprezzo molto il tuo impegno sul piano legislativo per scuola e precari.Ne abbiamo necessità. Invito tutti i lettori del Blog a leggere uno splendido articolo di Ilvo Diamanti dal titolo “Maledetti Professori. Lo potete trovare a pagina http://www.repubblica.it/2008/07/sezioni/politica/bussola-diamanti-25-lugl/bussola-diamanti-25-lugl/bussola-diamanti-25-lugl.html

Stefania P. 10:39am on agosto 1, 2008

Ciao Caterina,
condivido appieno il contenuto del tuo articolo. Scuola di qualità che valorizza le eccellenze e garantisce nello stesso tempo la piena integrazione e lo sviluppo delle massime potenzialità dei più deboli; emergenza educativa che emerge dai dati OCSE_PISA (finalmente accettati e riconosciuti in linea generali veritieri anche da noi operatori del mondo della scuola e non più solo demonizzati); necessità di politiche integrate e sistemiche; valorizzazione dei docenti e del loro ruolo.
Una mia personale riflessione sulle necessità più urgenti della scuola.
1)Bisognerebbe partire da un’idea seria di cosa deve essere la scuola in un Paese che aspira ad essere definito civile: un’idea che non può cambiare ad ogni cambio di guida politica del Paese, per non rischiare di creare delle basi che vengono ogni volta distrutte, smontate, nel migliore dei casi “aggiustate”, creando solo disorientamento e frustrazione in chi ogni giorno lavora nella scuola.
2) Dall’idea di scuola predisporre gli strumenti organizzativi affinchè questa idea di scuola si realizzi.
Quali sono a mio parere questi strumenti organizzativi?
a)Rivalorizzazione del ruolo sociale dell’insegnante, attraverso meccanismi di progressione della carriera basati sul merito e non solo sull’anzianità; riconoscimenti economici non “a pioggia” ma basati sul merito,sull’impegno in classe e non; contrasto dell’assenteismo, fenomeno non molto diffuso rispetto ad altri settori pubblici ma purtroppo talvolta presente (e un docente che si assenta non lascia delle pratiche da compilare ma dei ragazzi da formare);obbligatorietà dell’aggiornamento continuo (perchè se è vero che molti insegnanti spendono per autoaggiornarsi è anche vero che troppo spesso altri insegnanti “disertano” le iniziative di aggiornamento organizzate dalle scuole con ingenti sforzi organizzativi ed economici).
b)Investimenti economici sull’edilizia scolastica:
quante sono in Italia le scuole pubbliche dove si può studiare in un ambiente confortevole, pulito, funzionale e anche “esteticamente bello”?Perchè ogni volta che ho visitato una scuola del nord Europa mi sono sentita “terzomondista”?
c) Dare ai dirigenti (anch’essi opportunamente valutati) strumenti di gestione del personale più efficaci, restituendo ai sindacati il ruolo originario di “difensori dei diritti dei lavoratori”, e non di casta politica che utilizza impropriamente i suoi poteri.
d) Favorire lo scambio con il “basso”, con chi lavora tutti i giorni in prima linea nella scuola e ne percepisce immediatamente istanze e criticità (e qui non posso esimermi dal fare un riferimento alla modalità rigida e unilaterale con la quale l’Assessorato alla PI della Regione Sardegna ha gestito le pur pregevoli iniziative della delibera 47/ 29).
Buon lavoro!!!!

Roberto Della Ragione 10:30pm on settembre 26, 2008

Cara On. Pes, in questi giorni si sta consumando il Dramma dei 300.000 PRECARI della Scuola Pubblica iscritti nelle Graduatorie Permanenti, molti dei quali rimasti Disoccupati (come il sottoscritto) a causa dei recenti TAGLI del Governo.

Dopo una Vita buttata lì, a collezionare Lauree, Abilitazioni, Master, Specializzazioni, Punteggi, (in nome di un falso Cambiamento) si decide di BUTTARCI IN MEZZO AD UNA STRADA e far partire un nuovo sistema di reclutamento dei Docenti, quando c’è un esercito di Precari che aspetta da decenni di entrare in ruolo …. Eppure siamo pari a ben 20 volte ALITALIA !!!!

Ecco CINQUE PROPOSTE per SVUOTARE le Graduatorie Permanenti (se ne accettano volentieri delle Altre !!!):

1) Si favorisca il ricambio generazionale SOSTITUENDO i docenti con 40 anni di servizio con insegnanti più giovani provenienti dalle Graduatorie Permanenti. Ciò permetterebbe un risparmio di 1 Miliardo di Euro, oltre ad un miglioramento della Qualità del Servizio.

2) Si DEPURINO i 300.000 Iscritti nelle Graduatorie Permanenti ad Esaurimento da tutti i Docenti già di Ruolo o che fanno stabilmente Altri Lavori, consentendone il mantenimento dell’iscrizione solo a coloro che sono realmente Precari e intenzionati a lavorare nella Scuola Pubblica.

3) Si assegnino tutti gli Spezzoni INFERIORI alle 6 ore ai Docenti Precari delle Graduatorie Permanenti, NON a quelli di Ruolo a completamento (come avviene oggi !!!), consentendo loro di maturare Punteggio, Stipendio e (possibilmente) di FORMARE una Cattedra intera.

4) Si consenta il CAMBIO di Provincia (oggi NEGATO !!!) nelle Graduatorie Permanenti ad Esaurimento, consentendo un VERO incontro tra Domanda ed Offerta di Lavoro nella Scuola Pubblica, in modo che ciascun lavoratore possa realmente essere disponibile laddove il proprio Punteggio consenta una reale collocazione.

5) Si combatta realmente la DISPERSIONE SCOLASTICA.
Solo in Campania vi sono 50.000 ragazzi dispersi (che spesso alimentano il lavoro nero o le file della Camorra !!!) tra i 6 ed i 17 anni.
Di questi, 9384 sono i ragazzi tra i 16 ed i 17 anni che dovrebbero usufruire del diritto-dovere all’Istruzione e 30.000 ragazzi che hanno compiuto la maggiore età e NON hanno conseguito un Diploma (il 33% della popolazione Scolastica Regionale !!!).

Se tutti i dispersi tornassero tra i banchi bisognerebbe creare almeno 2.000 Classi e sarebbero necessari (solo in Campania) 4.000 Insegnanti in piu’ !!!

Un piano che farebbe risparmiare allo Stato 400 milioni di euro ogni 20 mila insegnanti (quindi 3 Miliardi di Euro per 150.000 lavoratori), SENZA MANDARE A CASA NESSUNO !!!

Una vera razionalizzazione dovrebbe consistere nell’individuare le vere “diseconomie e gli sprechi della spesa corrente e strutturale della scuola”.

SALVIAMO LA SCUOLA PUBBLICA, NON LASCIAMO MORIRE ANCHE LA CULTURA !!!

Roberto Della Ragione,

(Docente Precario, Napoli)

prodark@libero

Comunicati e note stampa
 
Via libera in commissione Cultura della Camera alla proposta di legge...
 
I Canadair, o almeno uno di essi, dovrebbe restare tutto l’anno...
 
“Grazia Deledda, prima che una scrittrice e una grande donna, è...
 
“Sostengo con fermezza il rilascio di Gabriele Del Grande e auspico...
 
“Dopo la legge su casa Gramsci è adesso il momento di...
 
“Credo che quello raggiunto oggi a Palazzo Chigi sia un ottimo...
 
“Credo che questo bellissimo tratto di costa debba ritornare nella piena...
 
“Mi auguro che la Regione possa porre rimedio a questa grave...
 
“Orrore e rabbia, sono queste le prime sensazioni che si hanno...
 
“L’unico modello di società veramente stabile, felice e produttiva  è quella...
 
“La proposta di legge a favore degli orfani dei crimini domestici...
 
“Il presidente del Consiglio Renzi lo aveva annunciato poco tempo fa...
 
“Con la scomparsa di Pinuccio Sciola la nostra isola perde un...
 
“Dopo trent’anni e una serie di tentativi oggi finalmente colmiamo una...
 
“Una maggioranza di governo che ha indirizzato da subito la sua...
 
“Il governo Renzi si dimostra ancora una volta attento ai bisogni...
 
“Ancora una volta si è preso di mira, in modo vigliacco,...
 
“A Renato Soru mi legano molti anni di militanza politica comune...
 
“Una risoluzione dell’Onu ha dichiarato che l’accesso all’acqua potabile e sicura...
 
“Sono convinta che il Ministero dell’Istruzione possa fare sforzi ulteriori per...
 
E’ in programma giovedì prossimo 15 ottobre l’incontro tra la delegazione...
 
Sono in attesa di conoscere i dettagli del provvedimento che prevede...
 
La Rai deve trasmettere programmi in lingua sarda sia in radio...
 
Ottanta milioni per i beni culturali sono una manovra finanziaria col...
 
Non posso che apprezzare il tempestivo intervento dell’assessore ai Trasporti Massimo...
 
Il Pd è nato per cambiare il Paese, per offrirgli un...
 
“Buon lavoro al nuovo Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La politica...
 

E’ indubbio che nella nostra regione ci si dovesse adeguare al...
 
Il lascito più importante che la figura di Giorgio Napolitano ci...
 
“Il sito archeologico di Mont’e Prama deve essere salvaguardato con tutti...
 
“La Sardegna continua ad avere il record negativo della dispersione scolastica:...
 
Sono lieta di invitarvi, domenica 28 Settembre, all’incontro intitolato “Chi e perchè...
 
Un’interrogazione parlamentare al ministro della Cultura per chiedere quali misure intenda...
 
“Occorre fare piena luce su quanto accaduto ieri a Capo Frasca...
 
Il Pd, in Sardegna, si presenta alle elezioni europee con un...
 
Pigliaru dice la verità: la Sardegna ha bisogno di scelte difficili...
 
Ora che il processo di riforme è stato avviato con la...
 
Ha ragione Renzi: dobbiamo rimettere al centro dell’azione il tema della...
 
È necessario che i ministeri competenti diano il via a un...
 
Si terrà venerdì e sabato prossimi la visita del Ministro per...
 
Via libera della Camera alla legge sul Femminicidio, che ora passa...
 
Da ieri il governo Letta riparte più forte e coeso; e...
 
Le dichiarazioni di Guido Barilla sulle coppie omosessuali suonano come il...
 
“Le offese rivolte da Beppe Grillo sul suo blog alla presidente...
 
L’omofobia non e’ un’opinione, e’ una realta’. Quanto accaduto in commissione...
 
Destinare alla scuola un pacchetto di misure del valore 400 milioni...
 
Qui di seguito riporto il mio intervento su La Nuova Sardegna,...
 
Il voto di ieri in Consiglio regionale che di fatto boccia...
 
La giunta Cappellacci in questi anni ha fatto di tutto per...
 
È comprensibile che dopo gli ultimi crolli il sindaco di Roma,...
 
Ci sono volute due legislature e una lunga battaglia culturale per...
 
Il voto unanime in Commission e Giustizia della Camera del nuovo...
 
La scuola non puo’ piu’ aspettare. E’ inaccettabile che i nostri...
 
Spendere 14 miliardi di euro per comprare 90 aerei con funzioni...
 
24 ottobre 2012 – “Positivo il passo indietro del Governo sull’aumento...
 
È molto positivo che il governo abbia accolto il nostro ordine...
 
Comunicato stampa Pes: ora governo rispetti impegni e faccia chiarezza su...
 
Comunicato stampa. “Chiediamo al ministro per l’Agricoltura di incrementare i controlli...
 
Comunicato stampa. “Dopo l’approvazione lo scorso 25 luglio con i soli...
 
Comunicato stampa. Discussa oggi alla Camera un’interrogazione sui rischi per la...
 
Comunicato stampa. “Chiediamo ai ministri competenti di liquidare al Coni l’intera...
 
Comunicato stampa. “Il ministro Cancellieri ha risposto ad una mia interrogazione...
 
Comunicato stampa. Pes e Melis presentano interrogazione a ministro dell’Istruzione I...
 
5 luglio 2012 – I deputati sardi del Pd, Amalia Schirru,...
 
3 luglio 2012 – “Il grave stato di abbandono del Nuraghe...
 
25 giugno 2012 -“Il ministro Fornero intervenga per far rispettare l’impegno...
 
21 giugno 2012 – Pesca. Pd, salvaguardare ecosistema marino di Bosa...
 
19 giugno 2012 – “Chiediamo al ministro Fornero di rivedere i...
 
14-06-2012 – COMUNICATO STAMPA: “Il ministro Ornaghi intervenga per rendere possibile...
 
13 giugno 2012 – Comunicato stampa “Chiediamo al ministro Clini di...
 
19 gennaio 2012 – Apprendo con gioia della Scarcerazione di Abdou...
 
Ieri pomeriggio, in commissione cultura   ho parlato a lungo col...
 
2 dicembre 2011 – Da poco meno di due settimane alla...
 
18 luglio 2011 – “La manovra finanziaria appena varata dal parlamento...
 
19 luglio 2011 – “Quando abbiamo appreso,nel maggio scorso, che su...
 
30 marzo 2011 – Sollecitare il Governo a occuparsi del problema...
 
29 ,marzo 2011 –  “Piena solidarietà ai 41 dipendenti dell’aeroporto di...
 
 25 marzo 2011 – La deputata del Partito Democratico Caterina Pes...
 
15 marzo 2011 – La deputata del Partito Democratico Caterina Pes...
 
 La deputata ha anche presentato un’interrogazione ai ministri dell’Ambiente, dello Sviluppo...
 
 28 febbraio 2011 –  «ll ritrovamento effettuato dalla Procura di Lanusei,...
 
22 febbraio 2011 –  «Evitiamo polemiche sterili: rimbocchiamoci le maniche e...
 
21 febbraio 2011 – «Se non fosse tragica, farebbe sorridere la...
 
11 febbraio 2011 – «La notizia dei quasi mille esuberi per...
 
18 gennaio 2011 – In questo drammatico momento, il mio pensiero...
 
17 gennaio 2011 –  «La recente sentenza del Tar sull’eolico ci...
 
 12 novembre 2010 – Sulla vicenda della necropoli di San Simplicio...
 
La Nuova Sardegna 22 ottobre 2010 Mandato revocato a Novus dopo...
 
20 ottobre -Occorre attivare subito le misure di salvataggio del settore...
 
20 ottobre -Dura replica alla risposta del sottosegretario all’Istruzione Viceconte: «Significa...
 
13 ottobre 2010  – «Pur non potendo essere presente alla manifestazione...
 
 È stata presentata oggi dai deputati sardi del PD, prima firma...
 
Nell’esprimere tutta la mia solidarietà ai sindaci di Ottana e Illorai,...
 
“Ciò che salta tristemente agli occhi, nella composizione della nuova giunta...
 
“Molti dei docenti che fino all’anno scorso insegnavano educazione musicale nelle...
 
“L’attuale suddivisione in quattro aree degli insegnanti di sostegno della scuola...
 
Il 25 giugno scorso l’Azienda Sanitaria Locale n. 5 ha annunciato...
 
L’inchiesta della magistratura romana sulla torbida vicenda degli appalti per l’eolico...
 
“La notizia apparsa oggi sulla stampa, che vede la realizzazione della...
 
La Nuova Sardegna 08.06.2010  SASSARI. Un viaggio nel disastrato mondo della...
 
Come dirigenti del Partito democratico e come parlamentari apprendiamo con vivissima...
 
«La risposta del Governo alla’interrogazione che avevo presentato in merito al...
 
da www.partitodemocratico.it Il governo vara un decreto che da il via al...
 
(Adnkronos) – I deputati sardi del Pd Paolo  Fadda, Giulio Calvisi,...
 
“Il Ministro Scajola esprima chiaramente e una volta per tutte la...
 
“Il deputato oristanese del PD Caterina Pes, durante un incontro con...
 
 Enrico Carta, La Nuova Sardegna 23 novembre 2009 La Sicilia si...
 
La parlamentare oristanese del Pd, Caterina Pes (foto), non sembra sorpresa...
 
“Esprimo tutta la mia solidarietà a Francesca Barracciu per il bieco...
 
Interrogazione dei deputati sardi del PD sulle fattorie del vento al...
 
«E’ assordante il silenzio della Regione Sardegna in merito al progetto...
 
Nella commissione che deve approvare il piano di Is Arenas il...
 
  «Esiste un’incompatibilità nell’affaire del parco eolico di Is Arenas?  Isabella...
 
“L’ idea di installare un impianto eolico nel tratto di mare...
 
Niente di nuovo sotto il sole cocente che mette a dura...
 
(ANSA)  ‘Lo sblocco di quattro miliardi di fondi Fas deciso oggi...
 
(9Colonne) Gli edicolanti, in base all’accordo nazionale sulle vendite dei giornali...
 
  Si è chiuso il vertice tra i pescatori e l’assessore...
 
 (ANSA) Il ritorno del nucleare in Italia,   l’arrivo della Class Action,...
 
Via libera dalla Camera al Ddl sullo sviluppo delle imprese e...
 
”Porteremo all’attenzione della  Camera il problema della chimica e chiederemo alla...
 
Il Partito Democratico aderisce alla manifestazione nazionale dei precari della scuola...
 
I deputati sardi del Pd  Caterina Pes, GIulio Calvi e Amalia Schirru hanno incontrato...
 
Come componente della Commissione Cultura della Camera dei Deputati e come...
 
Il piano casa parte dalla Sardegna, da Villa Certosa per la...
 
“Domani saremo in piazza con la Flc Cgil per manifestare contro...
 
L’incontro con i giovani oristanesi del Pd è stata l’occasione per...
 
    Lunedì 23 febbraio, alle ore 18.00, assemblea aperta per...
 
“Riguardo la questione del trasferimento del nucleo elicotteri da Abbasanta ad...
 
 ”Ci impegniamo a ripresentare quanto prima una proposta di legge perche’...
 
Le dichiarazioni dell’On Piero Testoni, rilasciate oggi nelle pagine dei principali...
 
È stata istituita con voto unanime la commissione parlamentare d’inchiesta sugli...
 
La Camera dei Deputati ha approvato il testo della legge che,...
 
E’ operativo il secondo anno del Progetto Scuola della Regione Sardegna,...
 
Comunicato stampa dei Deputati sardi sul futuro del poligono di Perdasdefogu...
 
Grande apprezzamento dell’On.Caterina Pes (PD) di fronte al finanziamento di 30...
 
E’ passata sotto silenzio, in particolare nel dibattito politico sardo, la...
 
di Caterina Pes da “L’Unità”, martedì 22 luglio La qualità dell’istruzione e...
 
  ”La relazione del ministro Gelmini non convince”. Lo dichiara Caterina...
 
Some title Some author
Some excerpt
 
Some title Some author
Some excerpt
 
Some title Some author
Some excerpt
 
Some title Some author
Some excerpt
Via libera in commissione Cultura della Camera alla proposta di legge...