Cultura ed Istruzione
8 luglio, 2008

Emergenza scuola

 

Nei giorni scorsi in Commissione Cultura, alla presenza del ministro dell’Istruzione e dell’Università Mariastella Gelmini, ho manifestato le preoccupazioni del Partito Democratico sulla proposta di riforma del sistema formativo messa in cantiere dal Governo Berlusconi.

Gli interventi legislativi annunciati dall’Esecutivo, in modo particolare il DPEF, impongono una forte riduzione della spesa in tutta la Pubblica Amministrazione, ma alla scuola italiana richiedono un sacrificio senza precedenti che si tradurrà inevitabilmente in un taglio di 8 miliardi euro con ricadute pesanti sull’occupazione (è stato annunciato un taglio di 150 mila unità tra personale docente e ATA nel giro dei prossimi tre anni), sulla qualità dell’offerta formativa e su tutti gli investimenti a favore del rilancio dell’Università.

Ritengo che niente più della scuola oggi sia un laboratorio sociale. Quando parlo di laboratorio sociale, mi riferisco ad un luogo nel quale si incontrano e si scontrano, talvolta si confrontano contesti sociali e culturali differenti; dove i valori si misurano e qualche volta, quando siamo fortunati, si contaminano.

L’emergenza che attanaglia la scuola non si può affrontare in modo unilaterale. Le proposte governative inseguono soltanto la razionalizzazione della spesa ma sorvolano sui gravi problemi che investono la scuola italiana che necessita di forti investimenti nella didattica, nell’aggiornamento dei docenti e nella valorizzazione in chiave meritocratica del loro operato, nell’edilizia e nella struttura organizzativa senza tralasciare il dramma dei molti insegnanti precari – ben 1 su 6 – senza i quali nessun istituto scolastico potrebbe funzionare.

 Nella relazione del ministro Gelmini manca una visione di insieme, una valutazione del problema scuola in un’ottica di sistema. Solo attraverso questa via si possono assumere, invece, gli elementi di problematicità, che sono molti, e, nel contempo, individuare criticità e strategie di intervento che possano provenire da più parti.

Non si può dimenticare che la scuola e l’università giocano un ruolo di primo piano per il rilancio del nostro Paese che altrimenti senza investire sul suo capitale umano rischia l’emarginazione sociale e politica scivolando alla periferia del mondo.

La proposta fatta dal ministro di una “Grande alleanza per la scuola” è stata accolta con favore da tutti noi dell’opposizione. Ma l’intento di buona volontà della Gelmini è stato già stravolto dalle proposte di legge (vedi D.L. 112) presentate in Commissione che rischiano di sferrare un attacco mortale alla funzionalità e al ruolo della scuola pubblica.

In apertura dell’intervento ho, inoltre, chiesto al ministro una presa di posizione forte a favore della difesa della dignità e dell’eguaglianza dei bambini rom. Proprio la scuola favorisce l’integrazione e in nome dell’integrazione in molte realtà educative del nostro Paese sono stati raggiunti importanti traguardi verso una convivenza pacifica e rispettosa delle diversità.

 

About this author

11 commenti - View all

EDGARDO MAURI 6:20pm on gennaio 7, 2009

un sentito Grazie alla prof.ssa Pes per il stringato ma robusto intervento di lunedì 5 credo, sulla scuola pubblica, io l'ho ascoltato il giorno 6 . e credo ragionevole pensare che il mio ringraziamento sia condiviso da molti colleghi del friuli venezia giulia e da tutti quelli delle scuole di Muggia. Nell'insieme della delle norme che pretendono di rinnovare la scuola da un certo punto di vista c'è un contenuto nascosto che come annunciava Calamandrei nel 52 svilisce ed annienta la scuola pubblica per favorire forse un qualche cosa di diverso . che siano scuole di partito o di elit o private non è ancora certo ma è opinione mia e di altri colleghi che la scuola pubblica da questa riforma viene fuori bastonata Grazie a nome di tutti quelli che ci credono perchè non credo che sia il momento di arrendersi. Edgardo mauri scuola Loreti Muggia

11 commentiX
M.S. 3:23pm on luglio 10, 2008

Dobbiamo lavorare tutti insieme per portare la scuola al centro del dibattito politico e culturale in questo paese … siamo veramente in fase di emergenza, non possono decidere il futuro della scuola ragionando solo in termini economici!!!

Brunello Arborio 3:26pm on luglio 10, 2008

I precari della scuola sono molto preoccupati per il decreto 112 che distrugge la scuola pubblica tagliando decine di posti di lavoro.
Invitiamo tutte le forze politiche a difendere la qualità della scuola pubblica dall’attacco scellerato messo in campo dalle forze di cdx che mirano a tutelare solo le scuole private.
Vorrei invitare l’onorevole Pes sul forum di discussione dei precari della scuola
http://precariscuola.135.it/

labitamariapia 5:46pm on luglio 10, 2008

La priorità é quella di difendere la scuola pubblica che é lontana dalla logica delle scuole private dove prevale il concetto del
IO PAGO E TU MI DEVI GARANTIRE VOTI ALTI ANCHE SE NON SONO BEN PREPARATO.
“un popolo di ignoranti é più facile da gestire per alcuni politici”!
Saluti e,grazie
da una precaria palermitana di mezza età della scuola primaria con tanti anni di insegnamento nella scuola materna nella scuola elementare e nelle scuole carcerarie.

Paolo MALERBA 8:00pm on luglio 10, 2008

Se pensiamo ancora di potere restare passivi di fronte agli avvenimenti, alle tentazioni, ai pruriti del liberismo miope e becero che vuole cancellare con un colpo di spugna, tra le altre cose, la scuola di tutti, allora ci sfugge la gravità della situazione. La stessa cosa se pensiamo di potere delegare ancora una volta la nostra difesa di lavoratori, non sudditi, ai Sindacati senza poi interessarci di nulla, perché il nostro lo abbiamo già fatto pagando la tessera. Allora siamo degli illusi.

Se pensiamo ancora che, se partecipiamo o non partecipiamo allo sciopero proclamato, ci sarà qualcun altro a farlo per noi, allora siamo davvero su una brutta china.

Lo sciopero e’ uno strumento di lotta nel quale cento anni fa gli operai rinunciavano al pane per difendere le proprie rivendicazioni.

Dobbiamo assolutamente prendere atto che la fase della delega è finita. Se avessimo smesso di delegare molti dei nostri problemi di precari sarebbero molto meno gravi e, probabilmente, non ci sarebbe più il precariato.

La delega non estingue la rabbia o l’angoscia che ci assale ad ogni fine contratto e chi è delegato non la prova. E se non provate rabbia, ad ogni fine di contratto, vuol dire che il vostro lavoro non vi motiva abbastanza e allora è meglio che tentiate altre strade, l’insegnamento non fa per voi.

Se non provate nemmeno angoscia, vuol dire che c’è qualcuno che vi mantiene a proprie spese ed allora fareste meglio a lasciare il posto a chi ha più bisogno.

Ma se provate rabbia o angoscia smettete di delegare e partecipate.

Partecipiamo, proponiamo, discutiamo, mettiamoci in gioco. Buttiamo sul piatto di questa partita la nostra partecipazione. Se veramente credete in quello che fate siate intransigenti con la controparte ma ancora di più con voi stessi. I pedagogisti chiamano questo modo di porsi come “atteggiamento congruo”: pensate quel che dite, dite e fate quel che pensate.

Non è più il tempo del “ma” o del “se”, non è tempo dei distinguo. Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur. E’ tempo del fare! Nessuno meglio di noi è arrabbiato, nessuno meglio di noi saprebbe tradurre la nostra rabbia in azione, nessuno meglio di noi saprebbe tradurre la nostra angoscia in proposizione.

Paolo MALERBA 8:01pm on luglio 10, 2008

Salviamo la Scuola firmiamo in difesa dell’istruzione pubblica e dei precari il Manifesto per una scuola di tutti su http://www.paolomalerba.it/precariamente

Dolores Sorrentino 9:31am on luglio 11, 2008

Il governo di cdx sta decidendo pesantissimi tagli del personale senza considerare le conseguenze sul piano della qualità dei servizi erogati. Non si interessa degli obiettivi che oggi la scuola deve ottenere, ma ragiona solo in un’ottica di “numeri in più”.
Si taglia il futuro, si tagliano le radici su cui il Paese può crescere. A questo punto risulta puramente falso l’obiettivo di “crescita sociale” che il DPEF pone a fondamento delle diverse azioni indicate. Bisogna difendere la scuola pubblica da tutto ciò: le assunzioni dei precari non sono uno “spreco” e nemmeno un “costo”, ma garantiscono e accrescono la qualità della scuola.

Donato Testa 9:55am on luglio 11, 2008

Provate a mettervi nei miei panni: neo-abilitato per le classi di concorso A019 (Discipline Giuridiche ed Economiche) e A017 (Discipline Economico-Aziendali), inserito nelle graduatorie ad esaurimento della provincia di Campobasso, sto frequentando il corso Sostegno 400 ore. Cosa mi aspetta per il futuro?

F.Amendola 11:09am on luglio 11, 2008

Purtroppo siamo in piena dittatura ,questa è la cruda realtà.Il popolo non ha più alcun potere , osserva basito e subisce anchel’inverosimile.I precari…rappresentano una sostanziale fonte di guadagno per lo stato ,pronti a comando ad eseguire gli ordini e poi un belservito con pedata al seguito!!L’unica cosa che possiamo fare è rivolgerci tutti alla CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA …se riuscissimo in questo lo stato dovrebbe far fronte alle sue mancanze e smetterebbe di sfruttare chi lavora nella scuola da anni (più di TRE ) con contratti a tempo determinato.

dirittodireplica 12:15am on luglio 25, 2008

Prima di introdurre ogni forma di nuovo reclutamento dei docenti è indispensabile provvedere all’effettivo svuotamento delle Graduatorie ad Esaurimento:

http://www.orizzontescuola.it/orizzonte/article19815.html

http://www.orizzontescuola.it/orizzonte/article19839.html

strega viola 10:48am on ottobre 3, 2008

capisco la preocupazione dell insegnante precario ma il mio cruccio sono i bambini la preparazione scolastica la fatica che una famiglia non benestante deve fare per i figli …..dove vanno a finire i nostri sacrifici con queste belle leggi forse sarebbe meglio scendere in piazza per lottare per qualcosa di serio non perchè L’ italia ha vinto il mondiale i soldi ha noi gente comune non sono arrivati da questa vittoria. Ma la signora che pensa di salvare IL PAESE dimezzando la cultura venga a casa mia per vedere come vive un bimbo NON PRIVILEGIATO da una vita agiata quali sono le nostre fatiche di gente comune ……..TORNIAMO IN PIAZZA COME I NOSTRI AVI PER QUALCOSA DI IMPORTANTE E SERIO .eliminate macchine blu e voli e ristoranti gratis voi le pagate le tasse……..SONO SCHIFATA DA TUTTO QUESTO

EDGARDO MAURI 6:20pm on gennaio 7, 2009

un sentito Grazie alla prof.ssa Pes per il stringato ma robusto intervento di lunedì 5 credo, sulla scuola pubblica, io l’ho ascoltato il giorno 6 .
e credo ragionevole pensare che il mio ringraziamento sia condiviso da molti colleghi del friuli venezia giulia e da tutti quelli delle scuole di Muggia. Nell’insieme della delle norme che pretendono di rinnovare la scuola da un certo punto di vista c’è un contenuto nascosto che come annunciava Calamandrei nel 52 svilisce ed annienta la scuola pubblica per favorire forse un qualche cosa di diverso . che siano scuole di partito o di elit o private non è ancora certo ma è opinione mia e di altri colleghi che la scuola pubblica da questa riforma viene fuori bastonata
Grazie a nome di tutti quelli che ci credono perchè non credo che sia il momento di arrendersi.
Edgardo mauri scuola Loreti Muggia

Cultura ed Istruzione
 
Qualche giorno fa a Cagliari sono intervenuta a un convegno organizzato...
 
Il mio intervento alla Camera nel corso della presentazione del libro...
 
“Grazia Deledda, prima che una scrittrice e una grande donna, è...
 
“Dopo la legge su casa Gramsci è adesso il momento di...
 
Ora è legge: con 161 voti favorevoli, 27 contrari e 31...
 
Ieri, la Camera ha approvato una mozione, a prima firma della...
 
“Con la scomparsa di Pinuccio Sciola la nostra isola perde un...
 
“Il governo Renzi si dimostra ancora una volta attento ai bisogni...
 
“Sono convinta che il Ministero dell’Istruzione possa fare sforzi ulteriori per...
 
L’impatto della legge 107 del 2015 è stato nettamente positivo anche...
 
Non posso che apprezzare il tempestivo intervento dell’assessore ai Trasporti Massimo...
 
Pubblico qui di seguito il testo integrale del Ddl sulla riforma...
 
Condivido ciò che dice Tullio De Mauro quando parla della necessità...
 

E’ indubbio che nella nostra regione ci si dovesse adeguare al...
 
Il Ministro dell’Istruzione, tramite il Sottosegretario Donghia ha  dato risposta alla...
 
Il mio articolo uscito su La Nuova Sardegna di domenica scorsa...
 
Ha ragione Renzi: dobbiamo rimettere al centro dell’azione il tema della...
 
La dispersione scolastica è una piaga universale e tocca tutte le...
 
Il ministro Carrozza ci rassicura sul futuro dei cosiddetti “esodati della...
 
Arriva domani all’esame congiunto delle Commissioni Cultura e Lavoro la mia...
 
È necessario che i ministeri competenti diano il via a un...
 
Sulla cultura occorre cambiare marcia: investire 
sulla conoscenza significa uscire dal vicolo...
 
8 febbraio 2013 – La notizia del rinvio del decreto Profumo...
 
14 novembre 2012 – L’incolmabile lotta tra la politica e il...
 
22 ottobre 2012 – L’innalzamento da 18 a 24 ore dell’orario...
 
21 ottobre 2012 – Sono sempre stata contraria e ribadisco con...
 
25 settembre 2012 – È ancora nebuloso e incerto il futuro...
 
17 settembre 2012 – Una scuola migliore, che parta dalle specifiche...
 
13 Febbraio 2012 – Durante la sua recente audizione in Commissione...
 
16 dicembre 2011 – In altri tempi, non meno difficili rispetto...
 
29 novembre 2011 – Il  Meic di Oristano, nell’ambito  della programmazione...
 
Scuola e Costituzione 28.XI.2011 Nel lungo e interessante dibattito in seno...
 
28 novembre 2011 – Che fine hanno fatto i fondi Fas...
 
17 novembre 2011 – Tra le maglie del maxi-emendamento alla Legge...
 
21 settembre 2011 – Risulta che in numerose province italiane gli...
 
8 settembre – Poco convincente e per nulla rassicurante per i...
 
29 giugno 2011 – Ancora tre anni di lacrime e sangue per...
 
24 giugno 2011 – Non c’è pace per gli Invalsi: le...
 
22 giugno – In questi due giorni si sono incrociate in...
 
 21 giugno – A subire la scure del governo non sono...
 
17 aprile – Ancora un attacco, il terzo in pochi mesi,...
 
12 aprile 2011 – La proposta della deputata PDL Gabriella Carlucci...
 
www.lanottebiancadellascuola.it Durante la puntata di oggi (guarda il video: prima parte , seconda parte )...
 
Alessandra Rubenni, Unità 3 dicembre 2010 «Se Berlusconi e il suo...
 
 27 novembre 2010 – In queste ore si sta combattendo sulla...
 
19 novembre 2010 Bilancio di previsione dello Stato per il 2011...
 
10 novembre 2010 – La manovra finanziaria contiene, tra i numerosi...
 
27 ottobre -La Commissione Cultura della Camera dei Deputati, della quale...
 
 14 ottobre 2010 – Clamoroso flop per la riforma dell’università. Il...
 
Giovedì 7 ottobre la Commissione Cultura ha concluso i lavori sul...
 
Solarussa, 1 ottobre 2010.  Se è vero che il livello di...
 
  Bloccato il blitz della Gelmini.   Abbiamo bloccato il blitz...
 
www.partitodemocratico.it “La riforma epocale della scuola pubblica, approvata da Tremonti-Gelmini, assicurerà...
 
Ghizzoni, governo chiede iter rapido, ‘mance’ non ci fanno cambiare idea...
 
IL CASO L’intolleranza leghista di MICHELE SERRA A proposito di violenza...
 
Abbiamo ascoltato, ancora una volta increduli, al panegirico della magnifica riforma...
 
È passato in prima lettura al Senato il disegno di legge...
 
Giuseppe Vittori, L’Unità, 30 luglio 2010 Via libera dall’aula del senato, in...
 
Chiara Affronte, L’Unità 2 luglio 2010 Il 24 giugno il Tar del Lazio...
 
Ghizzoni: siamo al cannibalismo e alla politica del ‘cornuto e mazziato’...
 
Il resoconto del mio intervento in commissione cultura  nell’ambito della discussione dello...
 
I sottoscritti chiedono di interpellare il Ministro dell’istruzione, dell’università e della...
 
Stefano Lepri, La Stampa 20 aprile 2010 C’è nel mondo un...
 
Salvo Intravaia, La Repubblica, 12 aprile 2010 È in arrivo il bollino...
 
Simonetta Fiori, La Repubblica 31 marzo 2010 La Resistenza non c’è....
 
di Salvo Intravaia, La Repubblica 15 marzo 2010 Dal Parini di...
 
Salvo Intravaia La Repubblica 02.03.10 I tecnici di viale Trastevere consigliano...
 
Chiara Saraceno, La Repubblica 24 febbraio 2010 Le scuole pubbliche in...
 
www.partitodemocratico.it “Il riordino della scuola superiore del governo non e’ una riforma,...
 
da www.sardegnademocratica.it Via libera all’emendamento del Decreto di Legge Lavoro, che consente...
 
Roma, 15 gen – ”Dopo il pronunciamento del Consiglio di Stato...
 
Ho presentato al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca un’interrogazione sulla situazione...
 
di Marco Lodoli, da www.tiscali.it Il grido d’allarme stavolta arriva dalla più...
 
Il gruppo PD della Commissione Lavoro ha dedicato il numero della Newsletter...
 
È iniziato in VII Commissione Cultura della Camera l’esame degli schemi...
 
Tito Boeri, La Repubblica 29 ottobre 2009 C’è voluto un anno...
 
Approvata la proposta PD a tutela dei precari. E’ stata varata...
 
La scadenza per le iscrizioni alle scuole superiori sarà a febbraio. ...
 
«Una importante vittoria per la scuola sarda, messa a segno anche...
 
Abbiamo messo a segno una piccola, ma significativa vittoria: l’accordo siglato...
 
La scuola è appena cominciata, eppure già si vedono gli effetti...
 
   E alla fine la montagna partorì il topolino. La riforma...
 
Il consiglio dei ministri ha approvato oggi, in prima lettura, il...
 
Il Consiglio dei Ministri ha approvato 2 Regolamenti che riformano gli...
 
Ricevo e pubblico volentieri una lettera dei Precari della scuola indirizzata...
 
Prosegue in Commissione Cultura l’audizione informale di rappresentanti di fondazioni, associazioni...
 
Si terrà venerdì 24 aprile al T-Hotel di Cagliari (in via...
 
  Lo smantellamento della scuola pubblica messo in cantiere da questo...
 
“Domani saremo in piazza con la Flc Cgil per manifestare contro...
 
 Annunciando il voto contrario del Partito Democratico sul decreto università, la...
 
I lavori in commissione oggi hanno raggiunto il grottesco. La maggioranza...
 
da La Repubblica, 24 movembre 2008 Mario Pirani Il riformismo non...
 
Da Il Corriere della Sera, domenica 16 novembre 2008 Marco Imarisio...
 
da Il Corriere della Sera, martedì 4 novembre Negli ultimi giorni...
 
E’ operativo il secondo anno del Progetto Scuola della Regione Sardegna,...
 
Cinzia Isola, www.altravoce.net Stavolta non potrà più consolarsi coi sondaggi gratificanti:...
 
Francesco Merlo, La Repubblica 14 ottobre 2008 Chiudete gli occhi e...
 
Grande apprezzamento dell’On.Caterina Pes (PD) di fronte al finanziamento di 30...
 
Michele Salvati, Il Corriere della Sera, lunedì  15.09.2008 Ha fatto bene...
 
da La Nuova Sardegna, lunedì 25 agosto Assegni di merito, master...
 
Guarda il video … “Molte delle norme contenute nel decreto-legge n. 112 del 2008...
 
di Caterina Pes da “L’Unità”, martedì 22 luglio La qualità dell’istruzione e...
 
  Nei giorni scorsi in Commissione Cultura, alla presenza del ministro...
 
Some title Some author
Some excerpt
Qualche giorno fa a Cagliari sono intervenuta a un convegno organizzato...